Biglietto da visita e personal branding

Biglietto da visita e personal branding

Il biglietto da visita ha caratteristiche specifiche: è uno strumento di personal branding.

La sua “unica” funzione è quella di trasmettere le tue informazioni di contatto.

Anche oggi nel pieno dell’era del digitale, la stampa del tuo biglietto da visita è il primo strumento che ti permette di entrare in contatto con i tuoi potenziali clienti.

Biglietti da visita per personal branding: gli errori comuni

L’errore più comune è quello di riempire lo spazio con informazioni inutili e ridondanti penalizzando la chiarezza e la leggibilità.

Il web è pieno di consigli utili a “realizzare il tuo biglietto da visita perfetto”.

Io ti dirò semplicemente cosa è preferibile fare per evitare di distorcere il tuo personal branding.

Caratteristiche del persona branding

L’attività di personal branding può essere considerata come il complesso di attività con le quali un soggetto (persona fisica) definisce in dettaglio i propri punti di forza, le proprie skill personali e lavorative (competenze, abilità, carattere) facendo siì da contraddistinguerla in modo univoco e singolare. Fare personal branding significa adottare metodologie e tecniche del marketing al fine di promuovere in modo efficiente ed efficace la propria identità. Uno di questi strumenti è sicuramente il biglietto da visita personale.

Procediamo per gradi:

La scelta del tipo di carta e del formato da utilizzare sono di solito i primi passi che vengono effettuati durante la scelta del Biglietto da Visita.

In merito ti suggerisco di:

Non stampare su un cartoncino che sia lucido sia sul fronte che sul retro.

Scegli eventualmente una plastificazione lucida solo fronte per un biglietto più appariscente.

Questo ti consentirà di scrivere in maniera agevole le informazioni dell’ultimo minuto e di consegnarle immediatamente al tuo interlocutore. Possibilmente lascia il retro del tuo biglietto libero, utile per aggiungere delle note manuali all’occorrenza.

Stampa il biglietto da visita su un formato standard, escludi dalle tue scelte bordi arrotondati e biglietti triangolari. Sono scomodi da conservare, non possono essere messi  in tasca né nel portafogli ed il più delle volte finiscono nel cestino!

Nell’iter di preparazione del biglietto da visita i contenuti rappresentano il cuore del progetto. A riguardo sono due le indicazioni che ti fornisco:

  1. La prima è di non fare la lista della spesa di cosa sei e cosa sai fare, a questo pensa già il tuo CV.
  2. La seconda è di non scrivere con un carattere troppo piccolo e scegli come font i classici Times New Roman o Helvetica.
  3. L’ultimo step riguarda la stampa dei tuoi biglietti da visita e rappresenta senza dubbio il passaggio più importante. A riguardo di suggerisco di

Non usare la tua stampante e Non utilizzare post-it scritti a penna!

Utilizza invece un servizio di stampa professionale, pena il rischio di comunicare un’immagine negativa della tua professionalità e sicuramente non all’ altezza del lavoro per cui ti proponi.

 

Altri articoli simili

Carta e stampa: come scegliere la carta adatta per... La scelta della carta per la stampa di un progetto grafico Quando si programma un lavoro di stampa una delle scelte più importanti ma allo stesso tem...
Carta canta: Quando un biglietto di auguri acquist... Con l'sms e con i social media, il messaggio di auguri ha perso il suo valore nel tempo. Prendiamoci del tempo, scriviamo a mano il nostro biglietto d...
Guadagna tempo con i mockup e la stampa veloce I mockup sono un valido strumento per risparmiare tempo soprattutto se uniti ad un servizio di stampa veloce. Scommetto che sei pieno zeppo di lavoro...
Fonts e progetti stampa: come scegliere quello più... Negli articoli precedenti abbiamo parlato di grafica, mockup e scelta delle immagini adatte per la stampa volantini. Ma non ci siamo mai soffermati...
Share

2 pensieri riguardo “Biglietto da visita e personal branding”

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.